death & rebirth (in the water)
2014
Video / 5’ 40” in loop



Francesca Caraffini 2012
zoom +
Francesca Caraffini 2012
L'invito della mostra.
close X

 

 

 

 

Quando ho pensato a questo lavoro stavo sdraiata dentro la mia vasca. Una vasca da bagno non troppo lunga, da cui posso guardare il cielo fuori dalla finestra. La doccia, per me, è una cosa criminale: devi stare in piedi e  aspettare che l'acqua ti rovini addosso. Non c'è riposo in tutto questo.

Ma nella vasca si. Ti appisoli. Ti rigiri un po', quasi ti ribalti.

Nella vasca pensi, immagini, ricordi.
Giochi col pancione.

Quando ho pensato a questo lavoro stavo sdraiata dentro la mia vasca e pensavo a questa nuova vita in arrivo dentro di me, che facevo (a modo mio) da vasca.

E ho immaginato e vissuto nei mie pensieri qualcosa di simile a quel che poi ho realizzato (ovviamente era meglio nei miei pensieri).

La morte e la rinascita.
Mai avrei pensato che sarebbe stato tutto così vicino.

La morte perlomeno (alla rinascita non credo, credo solo al qui, ora.)

Non pensavo sarebbe arrivata così presto, portandomi via un'amicizia che è, un pezzo del mio cuore.

Vita e morte ingrate e ingiuste, così le vedo ora, piena di rabbia e risentimento, perché non hai potuto incontrare la mia piccola, a cui avevi detto un sacco di parole mentre cresceva dentro di me.

Vi siete salutate, forse un mese prima, mentre - sempre nella mia vasca  - mi dicesti "come sei mammifera", vedendomi nuda affiorare dall'acqua.
"si, una balena" ti risposi

per la mia amica Giorgia

“Death & Rebirth - non più Ofelia ma Fenice acquatica” è un video realizzato tramite la tecnica del cut-up.
Immagini della storia dell’arte di fondono a spezzoni di video rubati dalla rete: microorganismi cellulari si sovrappongono alle visioni di Ofelia delle rappresentazioni preraffaellite e contemporanee; scene documentaristiche di vita acquatica si disgregano per ricomporre frammenti di raffigurazioni mitologiche, frames mutuati dalle visioni fantascientifiche che si rimescolano in un mare fluido grazie ad un montaggio ciclico che scorre (talvolta a ritroso) in libere associazioni di idee.

il video su youtube


Presentato a "la tana delle costruzioni" In occasione della sesta mostra collettiva sulla donna.

Francesca Caraffini  - immagine dell'installazione Giovannna d'Arco non abita più qui